Il controllo di vicinato

Il Comune di Meolo aderisce al progetto di controllo del vicinato.

Quando abbiamo deciso, come Amministrazione Comunale, di aderire al progetto di Controllo del Vicinato, ci siamo posti essenzialmente due obiettivi: accrescere la percezione di sicurezza e di protezione nelle nostre contrade ed aumentare nei nostri concittadini un senso di aggregazione e di appartenenza ad un nucleo sociale che vada oltre le mura di casa, per diffondersi nel quartiere e nel paese. Siamo convinti infatti che attraverso il Controllo del Vicinato si possa non solo rendere più sicure e protette le nostre case, ma anche ampliare il grado di condivisione e di partecipazione attiva alla vita della comunità, migliorandone la qualità ed il valore.

Un altro aspetto particolare che merita di essere sottolineato è che attraverso il Controllo del Vicinato si è rinsaldato anche il rapporto tra la cittadinanza e le istituzioni locali. Con la partecipazione al progetto infatti i cittadini, oltre a ricevere una serie di consigli utili su come difendere la propria abitazione ed i propri cari dai tentativi di furti e truffe senza esporsi a rischi né sostituirsi alle Forze dell’Ordine, hanno anche la possibilità di trovare un canale di comunicazione con le istituzioni pubbliche (non solo Carabinieri e Polizia Locale, ma anche i diversi uffici comunali), per segnalare situazioni di incuria o disagio, accrescendo il senso di appartenenza alla comunità e di cura della “cosa pubblica”.

Non è eccessivo quindi affermare che questo progetto, che ha avuto per l’Amministrazione comunale costi prossimi allo zero, stia dando risultati nettamente superiori alle aspettative, diffondendo negli abitanti di Meolo il senso di sicurezza e partecipazione alla vita della collettività ed accrescendo la cultura della legalità come valore fondante del concetto di comunità. Oggi quindi possiamo dire con soddisfazione che la partecipazione ampia e sentita dei cittadini a questa iniziativa ha contribuito a rendere Meolo un paese ancora più vivo e vivibile.

IL SINDACO

ing. Daniele PAVAN


Cos’è il controllo di vicinato

Il “Controllo del Vicinato” è uno strumento di prevenzione della criminalità attraverso la partecipazione attiva dei cittadini e la collaborazione organizzata e sistematica con le Forze di polizia, statali e locali.

Fare “Controllo del Vicinato” significa semplicemente promuovere la sicurezza urbana attraverso la solidarietà tra i cittadini, alzando il livello di attenzione e consapevolezza di ciò che accade intorno a loro, con lo scopo di ridurre il verificarsi di reati contro la proprietà e le persone.

A nessuno viene chiesto di fare eroismi, ronde o altre attività particolari. E’ richiesto semplicemente di prestare maggiore attenzione a chi passa per le strade nonché alle situazioni anomale che possono saltare all’occhio o generare apprensione ed allarme, partendo dal presupposto che nessuno può conoscere un quartiere meglio di chi ci abita.

Quali sono gli obiettivi del “Controllo del vicinato”?

  1. Coadiuvare le Forze di Polizia nella prevenzione del crimine e nella individuazione delle condizioni che lo favoriscono, aumentando la percezione di sicurezza e la vigilanza.
  2. Favorire lo sviluppo di una cultura della partecipazione alle tematiche della sicurezza urbana e della collaborazione attiva dei cittadini attraverso una comunicazione efficace, veloce e organizzata.
  3. Migliorare il rapporto Forze di polizia-Comunità, scambiando informazioni tramite un “Coordinatore” che farà da collegamento tra il gruppo di controllo e le Forze di polizia.

Cosa fa un gruppo di “Controllo del vicinato”?

  1. Presta attenzione a quello che avviene nella propria area di competenza nella vita quotidiana.
  2. Collabora con le forze dell’ordine segnalando, tramite un “Coordinatore”, situazioni inusuali e/o comportamenti sospetti.
  3. Collabora con i vicini attraverso comportamenti di reciproca assistenza (sostegno ai vicini anziani e soli, ritiro della posta in caso di assenza, sorveglianza reciproca delle case, ecc..).
  4. Crea un canale di comunicazione per scambiare rapidamente informazioni tra vicini e riversarle al Coordinatore del gruppo (es. catena telefonica, whatsapp, sms ecc..).
  5. Individua, anche sulla base delle indicazioni fornite dal Coordinatore secondo i criteri indicati dalle Forze di polizia, i cosiddetti «fattori di rischio ambientale» che favoriscono furti e truffe (scarsa illuminazione, accessi vulnerabili, persone sole, ecc..).

Cosa non fa un gruppo di “Controllo del vicinato”?

Il gruppo di “Controllo del Vicinato” non si sostituisce alle Forze di polizia che hanno il compito esclusivo di svolgere l’attività di repressione e di ricerca degli autori dei reati.

Pertanto, a titolo esemplificativo:

  • non interviene attivamente in caso di reato;
  • non fa indagini sugli individui;
  • non scheda le persone;
  • non si intromette nella sfera privata altrui.

La finalità del “Controllo di vicinato” è esclusivamente quella di aumentare la soglia di attenzione rispetto ad eventi “anomali”, segnalando al “Coordinatore” ed al proprio gruppo gli eventuali casi sospetti.

Solo in presenza di situazioni che richiedano l’immediato intervento delle Forze di Polizia o di soccorso (quali ad esempio furti, rapine e aggressioni in atto), i componenti del gruppo dovranno chiamare direttamente i numeri di emergenza:

112 (Carabinieri).

115 (Vigili del Fuoco).

118 (Pronto Soccorso sanitario).

La Polizia Locale di Meolo è reperibile ai numeri: 331 6753 472 oppure 347 5291 973.


Zone e referenti

Attualmente i Gruppi di Controllo del Vicinato di Meolo già organizzati sono:

1- ALBARATO 1 (Via Roma – Canova – Borgo Nuovo – Giovanni XXIII -Santi Ariani – Baratto). Coordinatore: CELLI Sara

2- CA’ CAPPELLO 1 (Via A. Diaz). Coordinatore: PILLON Mario

3- CA’ CAPPELLO 2 (Via F. Mazzon – Buranello – Gramsci – Moro – Borsellino – Roma- Pio X). Coordinatore: ZANIN Andrea

4- CA’ CORNER 1 (Via Vallio – Verdi – Toscanini – Castelletto Sud – Vivaldi – Ca’ Corner Sud – Sostegno Basso – Sostegno Alto). Coordinatore: RIZZETTO Romeo

5- CANDEARA 1 (Via N. Bobbio – don C. Pellizzari – Riviera XVIII Giugno).
Coordinatore: BRESSAN Paolo

6- CANDEARA 2 (Via Ca’ Tron – I Maggio – Marconi – Falcone – xxv Aprile – Roma). Coordinatore: ZANELLA Cristiano

7- MARTELLIA 1 (Via Marteggia –– Della Chiesa – Valle d’Intelvi – Dei Bianchi – Don Minzoni – Terra Nuova). Coordinatore: DE VECCHI Gabriele

8- PALUMBO 1 (Via Diaz – Losson Centro – Foscolo – Ungaretti – Capo d’Argine – Fossetta – Fantinello Peressina). Coordinatore: SASSANELLI Pasquale

I cittadini che volessero aderire al progetto dovranno compilare l’apposito modulo, che andrà consegnato al Comando Polizia Locale di Meolo (aperto lunedì, mercoledì e sabato dalle ore 9:30 alle ore 11:30) oppure all’ufficio Protocollo del Comune di Meolo (aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9:30 alle ore 12:30; il giovedì anche dalle ore 16:00 alle ore 18:00). In alternativa, potranno trasmettere il modulo di adesione via fax al n. 0421 347065 oppure via e-mail all’indirizzo: poliziamunicipale@comune.meolo.ve.it


Documentazione utile:

Scarica il modulo di adesione

Mini guida al controllo di vicinato

Furti e Truffe come difendersi


Associazione Nazionale Controllo del Vicinato

Pagina aggiornata il 21/12/2023

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2
Inserire massimo 200 caratteri